Gli Scavi di Pompei chiusi per un’assemblea sindacale

Scavi di Pompei chiusi

Pompei – Un’assemblea straordinaria dei dipendenti degli Scavi di Pompei ha tenuto fuori una lunga serie di turisti. I lavoratori hanno deciso indipendentemente di chiudere l’accesso al sito turistico dalle 9 del mattino per chiudersi in riunione, mentre l’enorme coda di turisti stava apprestandosi ad entrare. E’ solo l’ultima delle mille storie che riguardano gli Scavi di Pompei dopo le manutenzioni mediocri, disfunzioni dei servizi, chiusura di porzioni degli scavi e sospetti di infiltrazioni camorristiche.

Sulla vicenda è intervenuto il Ministro della Cultura, Dario Franceschini che ha parlato di “danno incalcolabile” per questo insano gesto: “Un disagio per i turisti, per i diritti dei lavoratori e un danno per tutto il Paese”. “Un colpo basso” ha sostenuto Massimo Osanna, il sovraintendente degli Scavi di Pompei: “questo comportamento è stato inqualificabile ed irrispettoso verso centinaia di turisti che erano venuti li ad ammirare uno dei siti più belli del mondo che l’Italia ha la fortuna di possedere. Sono sempre a favore del dialogo con i lavoratori, ma questo comportamento non si può giustificare in nessun modo”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here