Neil Young fa rimuovere la sua musica dai servizi streaming

neil young

Neil Young, noto cantautore canadese, ha annunciato tramite i social Facebook e Twitter che rimuoverà entro breve tutta la sua musica dai servizi streaming come Spotify, Google Play Music e vari altri. Il cantautore ha motivato la sua scelta definendo questi servizi come “insulti per la musica” a causa della scarsissima qualità audio che offrono.

 
“Non ho bisogno che la mia musica venga svalutata con la peggior qualità audio della storia della diffusione sonora. E’ un insulto per la mia musica, ed anche per i miei fan che sono costretti ad ascoltarla in questo modo” ha commentato Neil Young su Facebook, aggiungendo successivamente: “la mia musica tornerà disponibile in questi servizi non appena adegueranno i propri standard di qualità, senza alcun problema”.

 
Neil Young sta battagliando da tempo contro i servizi streaming a favore della qualità audio, addirittura lanciando un prodotto, il lettore di musica Pono Player, che permette l’ascolto di file meno compressi, con un risultato straordinario nella qualità audio. Il progetto è per ora disponibile solo negli Stati Uniti, ma ha già raccolto piu di 7 milioni di dollari, e sarà presto commercializzato anche nel resto del mondo.

 
“Non è un problema di compensi e di soldi, che magari sta preoccupando qualche mio collega artista, ma ci tengo molto che la musica venga apprezzata e non distrutta in nome della compressione” ha concluso il cantautore canadese nel suo intervento.
Se siete fan di Neil Young, quindi, avrete a disposizione solo alcuni giorni prima che i vari servizi streaming rimuoveranno la sua discografia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here