New Horizon: sonda spaziale che ha trovato ghiaccio su Plutone

plutone ghiaccio horizon

Sino a qualche tempo fa si riteneva che, almeno per quanto riguarda il nostro Sistema Solare, gli unici pianeti ad ospitare distese d’acqua più o meno importanti fossero la Terra e Marte. La sonda spaziale New Horizon ha svelato agli scienziati un altro piccolo segreto del nostro immenso universo: su Plutone esistono diverse montagne di ghiaccio.

In poche parole quindi la vita potrebbe nascere o essere già nata anche su altri pianeti. Alan Stern, comandante della missione, ha affermato con assoluta certezza che il ghiaccio rilevato su Plutone e sulla sua luna (Caronte) si è originato da acqua e non da particolari reazioni chimiche; questo elemento infatti può generarsi anche dalla solidificazione dell’azoto o da una complessa interazione tra metano e anidride carbonica.

In ciascuno di questi ultimi casi però non sarebbe possibile dar vita a grosse formazioni ghiacciate: John Spencer, uno dei ricercatori chiamati a pronunciarsi sulla sensazionale scoperta, ha infatti affermato che soltanto il ghiaccio originatosi dalla solidificazione dell’acqua ha una durezza tale da poter formare delle montagne; negli altri due casi la consistenza del materiale sarebbe così “morbida” da non riuscire mai a dar vita ad agglomerati alti 3.500 metri (è questa la dimensione dei ghiacciai rinvenuti su Plutone e Caronte).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here