ROMA: la paura di attentati mette in crisi gli imprenditori

roma paura attentati

La paura di attentati svuota letteralmente musei e locali della Capitale. Per colpa dell’ISIS non ci si diverte più.

I commercianti romani hanno paura e si sentono insicuri, stanno peggio di un anno fa, ma non per colpa della crisi economica. Stavolta la colpa è da attribuire alla cosiddetta psicosi da terrorismo, la paura irrazionale che accadano attentati come quelli a Parigi. Temono per la loro incolumità e per l’azienda, anche perché hanno perso la fiducia nei confronti delle leggi contro i criminali. Confcommercio Roma ha scattato una fotografia, proprio nella giornata di legalità e sicurezza, su un campione di oltre 6 mila imprenditori; Roma, rispetto alla media nazionale, è la città dove più che mai gli imprenditori non riescono a sentirti protetti e al sicuro.

Da considerare che 19 imprenditori su 100 hanno avuto esperienza, personale o indiretta tramite parenti o amici, con la criminalità, soprattutto furti e rapine.
Chiedono maggior presenza di forze dell’ordine, di personale addetto alla sicurezza e, per colpa della loro insicurezza, spesso tentano di difendersi da soli causando irreparabili danni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here